STANDARD DEL CARLINO D(Gran Bretagna)CARLINO

Aspetto generale: Decisamente robusto e quadrato, tipico esempio di "multum in parvo", dalle forme compatte, dalla struttura solida e dalla muscolatura compatta.

Caratteristiche: Grande fascino, dignità e intelligenza.

Temperamento: Di tempra costante, allegro ed indole vivace.

Testa e cranio: Testa grande, tondeggiante, non "a mela", senza solco del cranio.

Muso corto, smussato, squadrato, non all'insù. Rughe chiaramente definite.

Occhi: Scuri, molto grandi, di forma globosa, con espressione dolce e sollecita.

Orecchie: Sottili, piccole, morbide come velluto nero.

Due varietà: le "orecchie a rosa" (piccole, ripiegate all'indietro che rilevano la voluta interna)

e "orecchie a bottone" (con lobi piegati in avanti, punta aderente al cranio per coprire l'orifizio e rivolta verso l'occhio). La preferenza va a questo secondo tipo.

Bocca: Leggero prognatismo. La mandibola deviata, i denti e la lingua visibili sono tutti altamente indesiderabili. Mandibola larga, con incisivi quasi in linea retta.

Collo: Leggermente arcuato, a criniera, robusto, grosso ma abbastanza lungo da portare fieramente la testa.

Arti anteriori: Molto robusti, diritti, di lunghezza moderata, ben sotto il corpo. Spalle oblique.

Arti posteriori: Molto robusti, di lunghezza moderata, con grasselle ben flesse;

diritti e paralleli visti da dietro, ben sotto il torace.

Tronco: Corto e tarchiato, con torace ampio e buon costato.

Linea superiore orizzontale,

né inarcata né insellata.

Piedi: Né lunghi come i piedi da lepre né rotondi come quelli del gatto;

dita ben divise; unghie nere.

Coda: Attaccata alta, ritorta il più stretto possibile sopra il dorso.

Il doppio giro è molto desiderato.

Andatura: Guardando dal davanti, il cane deve alzarsi e abbassarsi con gli arti ben sotto le spalle; i piedi devono essere rivolti in avanti, né in dentro né in fuori.

Dal dietro, i movimenti devono essere altrettanto precisi. Gli arti anteriori devono avere una buona estensione, quelli posteriori si muovono con scioltezza,

usando bene le grasselle. L'andatura è caratterizzata da un leggero rollio del treno posteriore.

Mantello: Pelo fine, liscio, morbido, corto e lucente, né duro né lanoso.

Colore: Argento, albicocca, fulvo o nero. Ognuno ben definito, in netto contrasto con la traccia (striscia nera che corre

dall'occipite alla coda) e la maschera. Macchie ben delimitate.

Muso o maschera, orecchie, nei sulle guance, "ditata" o losanga sulla fronte e striscia sul dorso, il più neri possibile.

Difetti: Ogni deviazione dallo standard è da considerarsi un difetto, che va penalizzato secondo la gravità.